Obbedienza

Era aprile, una primavera di diversi anni fa, mio padre mi portò nel cortile di proprietà di un suo amico cacciatore, su un lato del cortile una grande gabbia racchiudeva una cuccia e alcune coperte su cui riposava sdraiato un bellissimo esemplare di setter irlandese femmina.
Ci guardava annoiata o rassegnata dalla sua postazione mentre il suo padrone apriva la gabbia permettendo ad una muta di cuccioli di correre fuori. Per farli giocare tirò lontano una pallina da tennis, loro prontamente si misero a rincorrerla, facendola rotolare da una parte all’altra della recinzione latrando felicemente quando cambiava direzione colpita dai loro musetti.
Il cacciatore mi rivolse la parola mentre ero intenta ad osservare quello spettacolo di zampette pelose che correvano. “Scegline uno” mi disse.
Guardai mio padre con incredulità e stupore, lui con un cenno del capo mi fece capire di avere il suo benestare. Nel frattempo un cucciolo, più grassoccio degli altri e con il pelo leggermente più chiaro, si staccò dal gruppo e si diresse verso di noi, arrivato ad un metro da me si fermò, mi guardò quasi a volermi studiare, poi riprese la sua marcia e si sdraiò sui miei piedi, pancia all’aria in attesa di coccole. “Credo di essere stata scelta prima io” dissi.
Il cucciolo era una femmina e quel pomeriggio venne a casa con noi, tremando come una foglia per tutto il tempo durante il tragitto.
Per una settimana facemmo a turno per dormire con lei, finchè non si ambientò e non fu più necessario dormire tenendole una mano sulla schiena per non farla piangere.

Io non avevo mai avuto un cane prima di allora, ero quindi piena di dubbi e insicurezze, facevamo lunghe passeggiate in mezzo ai campi ma non mi sentivo mai abbastanza sicura da lasciarla libera, senza guinzaglio, la paura che scappasse era troppo forte.
Un giorno, portandola al parco per la solita passeggiata, conobbi il padrone di un golden retriver. Mi raccontò della sua esperienza con i cani che allevava sin da piccolo.
Il suo cane lo seguiva come un’ombra, pendeva letteralmente dalle sue labbra, non aspettava altro che un suo cenno per fare qualunque cosa.
Gli chiesi come fosse riuscito ad ottenere un simile risultato, lui mi guardò con un sorrisetto malizioso e mi disse: “è molto semplice; un vero padrone non tiene il suo cane al guinzaglio per farsi ubbidire, un vero padrone riesce a liberare il suo cane per il tempo che ritiene necessario. Il suo cane sa che può correre dietro alle lepri, abbaiare agli uccellini, ma quando il padrone chiama correrà sempre da lui, perchè solo a lui deve obbedienza. Il rispetto e la devozione non si guadagnano tenendo il guinzaglio corto“.
Ogni tanto ripenso a quell’insegnamento, e apprezzo il momento in cui mi viene sganciato il guinzaglio.

Annunci

18 commenti su “Obbedienza

  1. Non credo di sbagliare dichiarando che oltre che un bel racconto di un’esperienza adolescenziale, hai reso perfettamente un concetto valido per l’amore, l’Amore e direi qualunque altro tipo di rapporto interpersonale. Mi pare, leggendoTi, di sentire la pentola del Tuo essere in ebollizione… plop!plop!plop! e la cosa non può che rendermi felice.

    Mi piace

  2. Un post molto bello con un significato chiaro, che può essere esteso a molti tipi di esperienze.
    Non ti conosco e, quindi, non aggiungo altro.
    Ritornerò nel tuo blog.
    Ho letto tuoi commenti molto interessanti da litedinnamoratoconilmondo.
    Sorriso
    gb

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...